SILENCE AND SOLITUDE AND YULETIDE

Sei italiano? Vedi sotto, è in italiano!

This time of the year, I often – even if I am not living abroad – choose to spend alone.

Yes: I said ‘choose’!

I have only ever heard negative propaganda about having Christmasfest on one’s own. From Bridget Jones and her fear of being feasted on by Alsatians, to lengthy empathetic assumptions from radio phone-ins, about the all-consuming sadness of a person being by themselves at this time of year. But I reject your sympathy wholeheartedly!

_DSC0688I’ve been celebrating winter solstice and the light entering the darkness, for many years – on my own. As with my birthdays and other important gateways and changes in my life/ the season, I tend to use it as a time to reflect, meditate, be aware, rather than to over-eat and over-drink, over-telly and over-socialise.

The middle of winter, much more than the other 3 corners of the year, calls out to be ruminated upon; to be spent by a fireside, watching the flames, or observing the sky after tramping up a frost-laden mountain track. It calls for silence and solitude, respect and presence. And gratitude, that we live in a world where we are warm and dry, have enough to eat and drink, and are not at war, nor in danger. This is a blessed existence, and should be celebrated appropriately, by us all in the privileged ‘western’ world.

_DSC0743My favourite time of the day, is the quietest hour before dawn, when all minds are deep in sleep. Similarly, one of my most favourite stages of the year, is that moment of midwinter-Christmas-New-Year, when everyone is distracted with the busy-ness of everything: I can step out quietly, alone, and just be.

Just being. … not many people in this part of the Mediterranean are passionate about this like I am! The idea of not only being alone, but additionally walking any distance longer than a few metres, in any kind of weather other than blazing sunshine, can cause an emergency team to rouse semi-violently into voice-ful campaign against it – I’m truly not exaggerating for comedic effect! Each time, I have to carefully explain, doing my best not to cause offence, that really, I have a pair of functioning legs, and really, this is what they were intended for, and no I do not want a lift home, especially as it means pointlessly circumnavigating the whole town in the car, to get precisely no closer to my house any way…

_DSC0764In my culture, this kind of intervention in another person’s going about their business is more than unnecessary- it’d be considered highly inappropriate, at best! And what could be more pleasant than a head-clearing walk, after the meal, and after a couple of glasses of wine? Here in Guardia, it seems like there is a residual, base fear, left-over from when the wolves and bears were snapping up stray humans now and again, because the attitude to anyone walking in nature is quite extreme. The idea of it being pleasure-full, or good for the health, is a whole other concept.

_DSC0741So anyways, being introverted and suffering easily from sensory overload, the non-Christmas sort of came upon me, as I naturally gravitated towards the quiet sacredness of midwinter. Being a rural northern-European too, our winterfest often rotates around long walks on hills and up glens with the family. Just taking in the beauty and majesty of all that is lit up by the short hours of sunlight. Being glad of those brief hours of reprieve from the deep darkness, happy for the warmth and movement in our limbs, the sense of aliveness despite the harshness of Scottish Decembers, which threaten to consume all joy…

_DSC0718I guess that, as a Scottish islander, I grew to be conscious of our living close to the edge, and of having that hard aspect of survival just behind our shoulder, waiting to pounce. Our focus was on keeping warm, and on just getting by, rather than feasting on excesses. I feel very comfortable with the clearing out, as supplies run low during the lean months, the shedding of excess weight of stuff, and all things dwindling and fading. The shedding of leaves, the settling of things into the earth, the resting back into our chairs and pillows. The metaphor of winter floods into the mind, and alchemises into great creative fires, regular flashes of bright inspiration.

In order to manifest this creative fire into things, into the physical, we need long hours of nothing, of silence, of uninterruptedness. Hours of darkness, of being alone, of letting everything be. Allowing the year to settle, permits us to settle too; into our own being, to just be, to be still, quiet, like the season.

_DSC0713On a practical level, I’d rather be busy with putting my affairs in order at the end of the year: systemising paperwork, clearing out clutter, bringing everything into harmony and clarity. It would be hard to do this if I was drowsy from the feast, and alcohol! It’s a beautiful way to spend long dark evenings – because we are spending so much more time inside in the winter – it’s marvellous to work at making it neat, pretty, shifting the energy of the house, always to more positive and nourishing.

I don’t know what it is about the past years, that has made me feel so strongly about not living excessively, but it feels deep, and part of it is to do with deeper acceptance; of the extent of my sensitivities, and the fact that I really enjoy following a gentle, conscious path.

It’s a truly wonderful life, to be able to do this, and to embrace the seasonal peace and well-being which comes from a monastic (ish!) experience.

Blessings and peace to everyone, throughout this sacred time – and beyond!

Thank you so much for reading!

If you like this blog, please share it with your friends – see the tabs, below!

Want to know more about THE ARTHOUSE?

Follow the tabs to your upper left!
The arthouse has a magical B+B: go read the reviews- they’re splendido!
The arthouse runs an ONLINE SHOP!
There’s an arthouse PATREON campaign running, to support the arthouse flourishing even more!

You can follow the arthouse on Facebook, Twitter, Kiltr, Pinterest

SILENZIO E SOLITUDINE E NATALE
Questo periodo dell’anno, spesso scelgo di trascorrerlo da sola – anche se non vivo all’estero.
Sì: ho detto ‘scelgo’!

Ho sempre sentito solo propaganda negativa sul passare le feste di Natale da soli. Da Bridget Jones e la sua paura di essere mangiata dai pastori tedeschi, alle lunghe empatiche ipotesi di telefonate in diretta, per la tristezza divorante per una persona di essere soli in questo periodo. Ma io rifiuto la vostra simpatia con tutto il mio cuore!

Ho festeggiato il solstizio d’inverno quando la luce fa spazio al buio, per molti anni – e quasi sempre da sola. Come con i miei compleanni e altre importanti cambiamenti nella mia vita/ la stagione, tendo a usarlo come un periodo di riflessione, meditazione, benessere consapevole, invece di mangiare e bere troppo, e vedere troppa TV o socializzare tantissimo.

_DSC0760Il pieno inverno, molto più degli altri 3 angoli dell’anno, vuole essere un momento per rimuginare sulle cose; vuole essere trascorso di fronte a un caminetto, guardando le fiamme, o osservando il cielo dopo aver camminato su un sentiero di montagna gelido. L’Inverno chiede il silenzio e la solitudine, il rispetto e la presenza. E gratitudine, perché viviamo in un mondo dove siamo caldi e asciutti, abbiamo abbastanza da mangiare e bere, e non siamo in guerra, né in pericolo. Si tratta di un’ esistenza beata, e questo dovrebbe essere celebrato in uno modo appropriato, da parte di noi tutti che viviamo nel privilegiato ‘ovest‘ del mondo.

_DSC0755Il mio momento preferito della giornata è la più tranquilla ora prima dell’alba, quando tutte le menti delle gente sono nel profondo nel sonno. Allo stesso modo, una delle mie fasi preferite dell’anno, è quel momento di Natale-Capodanno, quando tutti sono distratti con gli impegni di tutto: io posso uscire tranquillamente, da solo, e semplicemente essere.

Basta essere… Molte persone in questa parte del Mediterraneo non sono appassionati di questo, come sono io! L’idea di non solo essere soli, ma inoltre di camminare qualsiasi distanza più di un paio di metri, in qualsiasi tipo di clima che non sia sole cocente, può causare che un team di emergenza scateni una campagna contro di te – davvero non sto esagerando per l’effetto comico! ! Ogni volta devo spiegare attentamente, cercando di non offendere, che in realtà ho un paio di gambe funzionanti – che in realtà, questo è il lavoro per cui le mie gambe erano destinate; e no, non voglio un passaggio a casa, soprattutto perche significa circumnavigare inutilmente tutta la città in macchina, non arrivando comunque vicino a casa mia…

_DSC0748Nella mia cultura, questo tipo di intervento negli affari di un’altra persona è più che inutile – sarebbe considerata, al meglio, altamente inadeguato! E cosa c’è di più piacevole di una passeggiata a piedi per cancellare la mente dopo il pasto, e dopo un paio di bicchieri di vino? Qui a Guardia, sembra che ci sia una paura di base residuale, rimasta da quando i lupi e gli orsi mangiavano gli esseri umani ogni tanto. Perché l’atteggiamento di chiunque vada a piedi nella natura è abbastanza estremo. L’idea che può essere un piacere o anche buono per la salute, è tutto un altro concetto.

_DSC0772Allora, perche sono introverso e soffro facilmente da sovraccarico sensorio, il ‘non-Natale’ è venuto da me, perché l’ho naturalmente gravitato verso la quiete sacra del pieno inverno. Essendo anche un’ europea del rurale-nord, le nostre feste d’Inverno spesso ruotano attorno a lunghe passeggiate sulle colline e vallate con la famiglia. Semplicemente prendendo la bellezza e la maestosità di tutto ciò che è illuminato da brevi ore di luce solare. Di essere contento di quelle brevi ore di rinvio dal buio profondo, felice per il calore e il movimento nelle nostre membra, il senso di vitalità, nonostante la rigidità di dicembri scozzesi, che minacciano di consumare tutta la gioia.

_DSC0643Io immagino che, come isolana scozzese, sono stata cresciuta nell’ essere consapevole che viviamo vicino al margine, e di aver avuto quell’ aspetto difficile di sopravvivenza dietro alle spalle, in attesa di balzare. Il nostro obiettivo è stato quello di mantenerci al caldo, e sulle cose semplici, invece di banchettare eccessivamente.

Mi sento molto bene con la pulizia profonda dell’inverno, quando le scorte si esauriscono durante i mesi magri: il mutare del peso eccessivo, e tutto ciò che diminuisce e si dissolve. La caduta delle foglie, tutto riposa nella terra, così come noi riposiamo nelle nostre sedie e cuscini. La metafora di pieno inverno entra nella mente, e trasforma tutti i nostri pensieri in un grande fuoco creativo, lampi periodici di ispirazione luminosa.

_DSC0746Per manifestare questo fuoco creativo nelle cose, nel fisico, abbiamo bisogno di lunghe ore di nulla, di silenzio, di non essere interrotti. Ore di buio, di essere soli, di lasciare che tutto sia. Permettere all’anno di stabilirsi, ci permette anche di risolvere i nostri affari; a riposare nel nostro stesso essere, di essere soli, di essere tranquilli, quieti, come la stagione.

_DSC0769 A livello pratico, preferisco essere impegnata mettendo i miei affari in ordine alla fine dell’anno: sistemare scartoffie , sgombrare il disordine, portando tutto in armonia e chiarezza. Sarebbe difficile farlo se fossi insonnolita dalla festa, e dall’alcool! E’ anche un bel modo per trascorrere lunghe serate buie – perché siamo dentro le nostre case molto più spesso in inverno – è meraviglioso lavorare a rendere pulita, bella, spostando l’energia della casa, sempre più positivo e nutriente.

Non so cosa sia accaduto negli ultimi anni che mi ha fatto sentire così fortemente di non vivere eccessivamente, ma sembra profondo, e parte di questo, è la più profonda accettazione dell’intensità delle mie sensibilità, ed il fatto che mi piace seguire un percorso dolce, consapevole.

E ‘una vita veramente meravigliosa, per essere in grado di farlo, per abbracciare la pace stagionale ed il benessere che deriva da una esperienza ‘monastica’!

Benedizioni e pace a tutti, durante tutto questo tempo sacro e oltre!

Grazie mille per aver letto! E grazie tantissimo a Soukizy Redroom, chi ha tradutto questo testo in una moda molto più elegante, in rispetto il mio italiano!

Se ti piace questo blog, si prega di condividere con i tuoi amici
consultare le linguette, qui sotto!

Vuoi sapere di più sull’Arthouse?

Seguire le linguette alla tua sinistra, su!
L’Arthouse ha un B+B magico: andate a leggere le recensionisono splendidi!
Il arthouse gestisce un negozio online!
C’è anche una campagna PATREON per l’Arthouse in corso, per sostenere l’Arthouse fiorente ancora di più!

È possibile seguire la arthouse su Facebook, Twitter, Kiltr, Pinterest

3 thoughts on “SILENCE AND SOLITUDE AND YULETIDE

  1. Kat Tan says:

    Beautiful Clare. I spent christmas and new year alone once and it was glorious. I looked over from my balcony that eve and saw fireworks in the distance and I felt a certain calm and acceptance of myself and life. I loved the video clip – so beautiful there now! Thank you for your reflections and no, I only feel a bit of envy wishing I could have my own quiet time too. 🙂 wishing you a wondrous new year ahead! yay! xo

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s