MAKING SPACE TO MAKE

5 KEY TIPS ON MAKING THE SPACE TO MAKE

Sei italiano? Vedi giù – è in italiano!

Having developed my magical haven of creative outpourings – the arthouse – and having overcome some challenges in doing so, I thought it apt to blog about this: about how to make a space to make.

Many people seem to envy artists having the ‘luck’ to be able to create as and when they want to. They also perhaps do not appreciate the immense amounts of graft, planning, and sacrifice which go into that ‘luck’ – making space is an art in itself.

Although a fully-creatively-liberated life and work require wise juggling of multiple aspects, the basic premise of finding room for yourself to be expressive, or to experiment, is simple. But if you don’t go about it methodically, it might never transpire.

Here are 5 key tips to how you can transform your life positively, by forging out a hole in your life, that your creativity can grow and flourish:

P1030938my new sewing space, in the hidden room

  1. KNOW THE SCALE OF YOUR PROJECT

Thinking a while, jotting down some ideas on paper, or on a note on your laptop, can start to open your mind to what you actually want to do. For myself, a project remains in my head like a fluffy cloud – out of focus until I start to state what it actually is. What do I want to achieve, is it a concept or a physical object, a work of art or a performance? Is it something to be shared or to be completely secret?

Once a few notes are taken down, things start to come into focus, and we gain perspective. This way, we can see if the idea is really too big, if it needs more work, or more resources, and if it is a thing we can create this year, or this decade even. Size not being a restriction, but it is essential we know the scale of a thing, so that we can begin moving forward, taking the first steps.

For many years, e.g. my love of second-hand clothing was just a fuzzy warm feeling in my core, whenever I went to the market or charity shop. It made me feel happy, and I even had dreams of glorious finds which made me wake up and smile all day. But it wasn’t until I a) got a sewing table set up, and b) began a weekly sewing party, that it began to grow into a branch of my business.

P1030916my writing nest, on the studio balcony

  1. PHYSICAL SPACE

There’s always room, somewhere! Even if you own the tiniest apartment, there is always an hour or two in every day, in which a table or corner or seat will be free: grab it! Make a sign to declare to your family or flat-mates (or just to yourself!), that between such and such an hour, every day/ week, you will be there, making your dreams into reality!

A laptop on a knee is one thing, but you really need space around your computer to take notes, print out documents or imagery, think visually. It’s tempting to think, if it is starred or bookmarked on my address bar, I’ll see it again later, but it’s a whole other dimension to bring it into the physical by re-presenting what you love on paper, in colour, in your own words. Seriously: it is key that you bring it out of the ether and into the physical.

If you have a spare room- holy of holies! Get organising; make it into the space which works for you; get your material or paper or scraps boxed or shelved up, find the right chair or cushion to rest your derriere, and make sure there’s a lock on the door!

For me, I needed a whole building to house my diverse creative outlets. The big sunny studio to paint in yes, but also a multitude of other, flexible spaces which would support the spectrum of messy/ intricate/ dust-free/ paper-based/ sewing/ cooking activities I wanted to bring forth. Sharing the arthouse with guests (via my B&B) means I regularly have to adapt or move my workspace, temporarily, or for up to a few months. For this reason, I have one über-special room which is only for my most treasured secrets and creative activities, hidden away underground, and accessible only by a not-too-visible staircase… there’s no reason why this secret creative place mightn’t be manifested by a box or book with a lock on it.

  P1030926the meditation niche: trying again to make it sacred!

  1. MENTAL-EMOTIONAL SPACE

Similarly, and as important, is your claim to your own mental-emotional space. Especially if your family or work or even your social life make all-consuming demands on you, it’s time to set a new boundary.

No-one else can attend to this, it has to be you, and this is best done in a way which makes it a win-win-win situation: if there are a bunch of people depending on you, then your being more fulfilled will radiate out to them. If at the end of the day, the person standing in your way is a part of yourself, then facing up to this is a hugely positive step.

Adding a creative element to your everyday is something which will bring you extra energy, access internal resources, life choices, business possibilities, and more. So this is a great asset particularly to your mental-emotional being, where the modern world places a lot of heavy demands. If you don’t set aside the hours, or even the minutes, each day, no-one else is likely to come and offer them to you; our contemporary culture conditions us to assume we are in a constant state of lack, so we really have to work at forging out our healthy and rightful energetic space.

P1030939mother mary, please help me overcome my challenges!

  1. CHALLENGES

When we start entering our creative world, alongside all the positive energy this releases, all manner of interesting reactions can begin to happen around us.

From jealous friends who are envious of our perceived ‘free time’ (a kind of luxury which they also want, but might not yet know how to acquire), to rental contracts and other bureaucratic complexities, which seem in place only to limit our happiness.

Deal with it. Every block has its equal and opposing solution, no matter how high a mountain it might seem to scale initially. Often it is simply a road we have not yet travelled; it’s unfamiliar, and we don’t want to tread onto an unfamiliar road.

Sometimes challenges are only a reason to not do a thing, a reason to not try. But experiment with mind-mapping/ brain-storming/ internet research, to find ways around every block you come across, because they will appear, and you will have to get used to overcoming them. Look back at what you’ve gotten over in years past- I guarantee you’ll find something which, before you did it, seemed like it would be impossible, truly impossible. If someone else already did it, you can; just get on and learn how to do stuff – the more you do this, the more you’ll be able to do it.

P1030925good old-fashioned soup, like my mum used to make

  1. NOURISHMENT!

When one is being creative, it’s all very well sitting down at the easel, but in order to have something to actually put onto the canvas, you need a certain element of fullness – you must be inspired, and ready to pour forth!

This might come entirely from your own ideas and inner-calling, but when you are stuck, you need to keep your fires stoked. Go immerse yourself in visual or aural stimulus; read or watch a film or get into nature or swim in the river, or picnic or take a walk with your camera. The world is an astonishing place, needing only to be experienced, to make its magic known.

If you’re struggling, go eat some chocolate, or some soup or something nourishing; never try to create on an empty stomach!

_DSC0856yes, occasional treats are an integral part of self-nourishment, of being inspired to make!

CONCLUSION

Another reason I made my arthouse; this small kingdom of artistic liberty, where I can paint, write, photograph, dance, sing, and say what I want to is, it’s vital to have a place where we feel safe to say what we think and feel, without being restrained by any other person’s prejudice, be it personal, cultural or societal.

P1030943penelope takes over my special daybed in the sewing room!

This is not about our having our selfish satisfaction of the senses, but of our being able to get out what is at the core of us: our unique presence and expression, which extends out into the world, as a perfect thread within the perfect fabric of our common consciousness.

This is not about forcing one’s e.g. paintings/ writings/ eccentric clothing out into the marketplace, but about how we allow ourselves to first thrive, so that we can reach out into the world, inspiring and nourishing everyone else. When we take even a couples of minutes per week, to sew or read or be in our passion, we afterwards radiate something, which is more than we were before, energetically.

 P1030951 the hidden room; I love that the ceiling is now like waves, having been covered with newspapers

Thank you so much for reading!

If you like this blog, please share it with your friends – see the tabs, below!

Grazie mille per aver letto!

Se ti piace questo blog, seguire, e condividi con i tuoi amici!

chapelroombedfulllandscapeVuoi sapere più sull’Arthouse?

Seguire le linguette alla tua superiore sinistro!

l’arthouse ha un B+B magicale: andare a leggere il recensioni – sono splendidi!
l’arthouse gestisce un NEGOZIO ONLINE!
C’e anche una camagna PATREON in corso, per sostenere il progetto fiorenti ancora di più!

È anche possibile seguire l’arthouse su Facebook, Twitter, Kiltr, Pinterest

P1030916

5 SUGGERIMENTI SU COME FARE UN SPAZIO PER FARE!

Dopo aver sviluppato il mio magico paradiso di sfoghi creativi – il cinema d’essai – e dopo aver superato alcune difficoltà nel farlo, ho ritenuto opportuno di blog su questo: su come fare uno spazio per fare.

Anche se una vita e lavoro completamente liberato-creativamente, richiede giocoleria saggia di molteplici aspetti, la premessa fondamentale di trovare spazio per voi stessi, di essere espressivi, o per fare esperimenti, è semplice. Ma se non lo fai metodicamente, potrebbe non succederà mai.

Ecco 5 suggerimenti su come puoi trasformare sua vita in una moda positive, tramite forgiando un buco nella tua vita, che la vostra creatività può crescere e prosperare.

P1030938 

il io nuovo spazio per cucire, nella stanza nascosta

  1. CONOSCERE LA SCALA DEL TUO PROGETTO

Se pensiamo un po’, annotando alcune idee su carta, o su una nota sul laptop, si può iniziare ad aprire la mente a ciò che si vuole realmente fare. Per me, un progetto rimanga nella mia testa come una soffice nuvola – fuori fuoco fino a quando comincio a dichiarare ciò che effettivamente è. Questa cosa che voglio realizzare, è un concetto oppure un oggetto fisico, un’opera d’arte o uno spettacolo? E’ qualcosa da condividere o di essere completamente segreto?

Dopo alcune note sono scritte, le cose cominciano a venire a fuoco, e riusciamo a ottenere un senso di prospettiva. In questo modo, possiamo vedere se l’idea è davvero troppo grande, se ha bisogno di più lavoro, oppure più risorse, o se è una cosa che si può creare quest’anno, oppure questo decennio… Le dimensioni non deve’essere una restrizione, ma è essenziale che conosciamo la scala di una cosa, in modo da poter iniziare a muoversi avanti, prendendo i primi passi.

Ad esempio, per molti anni, il mio amore di abiti usati era solo una sensazione calda e sfocata nel mio centro, ogni volta che sono andato al negozio dell’usato o il mercato. Mi ha fatto sentire felice, e ho anche avuto sogni degli reperti gloriosi, che mi ha fatto svegliare e sorridere tutto il giorno. Ma non è stato fino a) ho organizzato un tavolo per cucire, e b) iniziato una festa per cucire settimanale, che ha cominciato a crescere come una parte della mia attività.

P1030916

la mia nida per scrivere, sul balcone del studio

  1. SPAZIO FISICO

C’è sempre spazio, da qualche parte! Anche se si è proprietari dell’appartamento più piccolo nel mondo, c’è sempre una o due ore ogni giorno, in cui un tavolo o un angolo o la sede sarà libero: afferrarlo! Fare un segno per dichiarare alla tua famiglia o tuoi amici (o solo per te!), che tra tale e tale ore, ogni giorno o settimana, ci sarà, rendendo i tuoi sogni reale!

Un laptop sulle ginocchia è una cosa, ma davvero bisogno di spazio tutto intorno al computer per prendere le note, stampare i documenti o immagini, pensare visualmente. Si sarebbe tentati di pensare, se è memorizzato sulla mia barra dell’indirizzo, vedrò più tardi. ma è tutta un’altra cosa, per portarlo nel fisico, rappresentando ciò che ti piace su carta, a colori, con parole tue. Scherzi a parte: è fondamentale che si porta dall’etere, nel fisico.

Se hai una stanza libera, santo dei santi! Inizia l’organizzazione: renderlo lo spazio che lavora per te; ottenere il vostro materiale o carta o scarti inscatolati o
archiviato, trovare la sedia o un cuscino per riposare la tua derriere, e
assicurarsi ci sia un blocco sulla porta!

Perme, hoavuto bisogno di unintero edificioper ospitarei mieidiversiflussicreativi! Ilgrande studiopieno di soleper dipingere, si, ma ancheuna serie di altrispazi flessibili, che sosterrebbeunaserie di attivitàdisordinato/intricate/senza polvere: cartaceo/cucito/cucina…

Perché condivido l’arthouse anche con gli ospiti (tramite il mio B & B) significa che devo regolarmente adattare o spostare il mio lavoro, temporaneamente , o fino a pochi mesi. Per questa ragione, ho pure una stanza über-speciale che è solo per i miei segreti e attività più preziosi e particolari: questa stanza è nascosta sottoterra, e accessibile solo da una scala non troppo visibile … Si potrebbe anche manifestare uno spazio creativo e segreto, con una scatola o un libro chiuso.

 P1030926

il mio spazio per mediazione: sto provando di nuovo per trasformare sacro!

  1. SPAZIO MENTALE-EMOZIONALE

Similmente, e altrettanto importante, è quello di affermare il tuo spazio mentale-emozionale. Soprattutto se la tua famiglia, o di lavoro, o anche la tua vita sociale fanno richieste pesanti su di te, è il momento di impostare una nuova linea di confine.

Nessun altro può occuparsi di questo, deve essere te, e questo è meglio farlo in una modo che lo rende una situazione in cui tutti vincono: se ci sono un sacco di persone che dipendono su di te, poi quando si sono più soddisfatte, si irradiare questa contentezza a loro. Se, alla fine, la persona bloccando la tua strada è te stesso, allora se puoi accettare questo è un passo estremamente positivo.

L’aggiunta di un elemento creativo al tuo quotidiano è qualcosa che ti porterà energia in più, che ti consente di accede a risorse interne, le scelte di vita, possibilità di affari, e altro ancora. Quindi questa è una grande risorsa particolarmente per il tuo benessere mentale-emozionale, in cui il mondo moderno mette un sacco di richieste pesanti. Se non mettere da parte le ore, o anche i minuti, ogni giorno, nessun altro è probabile che venga e offrire a te; le nostre condizioni cultura contemporanea ci supporre che siamo in un costante stato di mancanza, quindi abbiamo davvero lavorare a creare il nostro giusto spazio energetico e sano.

P1030939

madonna, ti prego, aiutami a superare i miei problemi!

  1. SFIDE
    Quando iniziamo entrare in un mondo creativo, insieme a tutta l’energia positiva che cede, tutti i tipi di reazioni interessanti può cominciare ad accadere intorno a noi.

Da amici gelosi che sono invidiosi del nostro percepito ‘tempo libero’ (una specie di lusso che vogliono anche, ma non possono ancora sapere come sia possibile acquisire), al contratti di affitto e altre complessità burocratiche, che sembrano in atto solo a limitare la nostra felicità .

Affrontare. Ogni blocco ha la sua soluzione uguale e opposto, non importa quanto in alto una montagna potrebbe sembrare inizialmente. Spesso è semplicemente una strada che non abbiamo ancora viaggiato; è poco familiare, e non vogliamo percorrere su una strada sconosciuta.

A volte guardiamo sfide solo come motivo per non fare una cosa, un motivo per non provare. Ma provate mindmapping / brain-storming / ricerca internet, per trovare modi per aggirare tutti i blocchi che si incontra, perché appariranno, e si dovrà abituarsi a superarli. Guardare indietro a quello che hai ottenuto nel corso negli anni passati – ti garantisco troverai qualcosa di che, prima che fatto, sembrava che sarebbe impossibile, veramente impossibile.

Se qualcun altro ha già fatto, è anche possibile farlo; solo andare avanti e imparare a fare le cose – più si farlo, il più sarete in grado di farlo.

P1030925

buona zuppa vecchio stile, come la mia mamma ha fatto

  1. NUTRIMENTO!Quando siamo dell’umore giusto per essere creativi, è bene sedersi al cavalletto, ma per avere qualcosa da mettere in realtà sulla tela, è necessario un certo elemento di pienezza – è necessario essere ispirato e pronto ad agire!

    Questo potrebbe venire interamente, le tue idee e interno-vocazione, ma quando si sono bloccati, è necessario mantenere i fuochi alimentate. Vai immergersi in stimolo visivo o auditiva; leggere o guardare un film o entrare in natura o nuotare nel fiume, o fate un picnic o fare una passeggiata con la fotocamera. Il mondo è un luogo stupefacente, che necessitano solo essere vissuto, per rendere nota la sua magia.

    Se stai lottando, andare a mangiare un po’ di cioccolato, o qualche zuppa o qualcosa di nutriente; mai cercare di creare su uno stomaco vuoto!

_DSC0856

yes, occasional treats are an integral part of self-nourishment, of being inspired to make!

CONCLUSIONE
Un altro motivo per cui ho fatto il mio arthouse; questo piccolo regno della libertà artistica, dove posso dipingere, scrivere, fotografia, danza, canta, e dire quello che voglio è, è fondamentale per avere un posto in cui ci sentiamo sicuri di dire ciò che pensiamo e sentiamo, senza essere limitata dalla il pregiudizio di un’altra persona, sia questa personale, culturale o sociale.
P1030943

penelope ruba mio divano speciale nella stanza del cucito!

Questo non riguarda avere la nostra soddisfazione egoistica dei sensi, ma del nostro essere in grado di ottenere ciò che è al centro di noi: la nostra presenza ed espressione unici, che estende nel mondo, come un filo perfetto nel tessuto perfetto della nostra consapevolezza comunale.

Questo non riguarda forzare la nostra pittura / scrittura / abbigliamento eccentrico nel mercato, ma su come ci permettiamo di prosperare primo, in modo da poter avvicinarsi ai mondo, ispirando e nutrendo tutti gli altri. Quando prendiamo anche pochi minuti ogni settimana, per cucire o leggere o per essere nella nostra passione, irradiamo qualcosa dopo, che è più che eravamo prima, energicamente.

P1030951

la stanza nascosta; mi piace che il soffitto è ora come le onde, è stato coperto con i giornali

Grazie mille per aver letto!

Se ti piace questo blog, seguire, e condividi con i tuoi amici!

chapelroombedfulllandscapeVuoi sapere più sull’Arthouse?

Seguire le linguette alla tua superiore sinistro!

l’arthouse ha un B+B magicale: andare a leggere il recensioni – sono splendidi!
l’arthouse gestisce un NEGOZIO ONLINE!
C’e anche una camagna PATREON in corso, per sostenere il progetto fiorenti ancora di più!

È anche possibile seguire l’arthouse su Facebook, Twitter, Kiltr, Pinterest

One thought on “MAKING SPACE TO MAKE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s