VALENTINE’S ADVENT DAY FOUR

boy, friends 2002 – see Etsy shop

Sei italiano? Vedi giù – è in italiano!

WELCOME TO THE ARTHOUSE VALENTINE’S ADVENT!

Fifteen days of creative re-interpretation of St Valentine’s, and the magic of this season!

DAY FOUR: NEIGHBOURS

Where do I begin? My relationship with neighbours in Italy has been utterly fascinating, and a metaphor for my whole Italy adventure!

My first interactions with neighbours when I moved into the Strada Filippo Maria Guidi, were mostly intense sessions at a volume I had never heard in everyday converstation. I didn’t follow a word of it, of course, speaking few words of the language, but also being full-to-the-brim with sensory overload, and unable to decipher any one individual word when it was being thrown at me alta-voce. I genuinely never understood the evident rage which my early presence in my next-door-neighbours’ lives appeared to be rousing.

boy,friends - Copia

It wasn’t until four full years later; cycles of seasons and new life, death and all things in between, and having had to both ask for and offer help as a neighbour here in the medieval quarter, that I really began to appreciate and respect the culture. It came very slowly, as their tempers calmed, and they realised that there was no threat to their immediate safety, lifestyle, freedom or comfort, and through many small adventures we went through together. Chatting, shaking at the door, asking for moral support after a small earthquake, sharing wood in the depths of unusually cold winter spells, being offered cake/ coffee with aniseed liquor/ furniture.

Being advised and told off, inspired and comforted, these folks have become my absent family in these years. Though our initial interactions had a ton of misunderstanding on both sides, there eventually came a quiet enjoyment of each others’ presence; more than toleration, a subtle but deep-rooted appreciation, I believe.

boy,friends - Copia (2)

When I first moved in, I genuinely despaired of the seeming unnecessary agro going on around me (this was a running theme throughout these first 5 yrs in Italy!), even thinking of it as a curse that I’d found myself in such a location. But it is amazing how all things can turn around, over time, with humility and dedication, prayer and commitment to harmony.

Winter particularly brings us closer- that need for companionship, and practical support, especially as many folks in the old town are, well, pretty darn old. Not that they ask for help, and seem surprised or even embarassed when I offer, but it is a real joy to bring a smile to a face, when helping carry shopping, or even just walking by their sides as we head down to the old town home together.

boy,friends - Copia (3)

And it is a rich moment of grounding, to take a break in my day and chat with my neighbour about what’s been happening in the street that day – you’d be astounded how much goes on in a semi-abandoned medieval quarter! Watching from windows and doorways is a national sport in Italy, and Guardia is particularly skilled: you may think you’re walking around an empty town, but don’t be surprised when you are told later in the day, every move you made, by someone in the bar who has heard it from your neighbour- hehe! I like to think of it as a benevolent watchfulness: that I’m being protected, rather than intruded upon.

Do you have a good relationship with your neighbours? Have you wished them well or called in on them lately? Share your comments below, or via the pages on Facebook Twitter or Patreon!

                                                              Tante belle cose, Clare xx

boy,friends - Copia (4)

ragazzi, amici 2002 vedi su Etsy

BENVENUTI AL’AVVENTO DI SAN VALENTINO!

Quindici giorni di reinterpretazione creativa del giorno di San Valentino, e la magia di questa stagione!

GIORNO TRE: VICINI

Da dove comincio? I miei rapporti con i vicini in Italia, è stato assolutamente interessante, e una metafora per tutta la mia avventura in Italia!

Le mie prime interazioni con i vicini, quando mi sono trasferito nella Strada Filippo Maria Guidi, erano per lo più sessioni intensi a un volume che non avevo mai ascoltato nella conversazione quotidiana. Non ho seguito una parola, ovviamente, parlando poche parole della lingua, ma anche essendo pienovall’orlo con sovraccarica sensoriale, e incapace di decifrare qualunque parola individuo quando è stato essere gettato su di me alta voce. Io sinceramente mai capito la rabbia visibile che la mia prima presenza nella vita dei miei vicini, sembrava essere trascinante.

boy,friends - Copia

Non è stato fino a quattro anni intero più tardi; cicli di stagioni, una nuova vita, la morte e tutte le cose in mezzo, e avendo dovuto sia chiedere e offrire aiuto, come una vicina qui nel quartiere medievale, che ho davvero iniziato ad apprezzare e rispettare la cultura. È venuto molto lentamente, come i loro temperamenti si erano calmati, e si rese conto che non c’era alcuna minaccia per la loro sicurezza/ stile di vita/ libertà comodità immediata. E attraverso tante piccole avventure abbiamo attraversato insieme; chiacchierando tremante sulla porta chiedendo sostegno morale dopo un piccolo terremoto, condividendo il legno nel profondità di inverni particolarmente freddi, essendo offerto torta / caffè con anice / mobili.

Essendo consigliata e lamentato, ispirato e confortato, queste persone sono diventati la mia famiglia assente in questi anni. Anche se le nostre interazioni iniziali avevano un sacco di incomprensione sui due lati, c’è finalmente venuto un pacifico godimento della presenza di ogni altri; oltre la tolleranza: un apprezzamento sottile ma profonda, credo.

boy,friends - Copia (2)

 Quando mi sono trasferito al inizio, ho sinceramente disperavo della collera apparente inutile succedendo intorno a me (questa era una tema ricorrente nel corso di questi primi 5 anni in Italia!), Anche io pensavo ad esso come un maledizione che mi sarei sono ritrovato in una tale luogo. Ma è incredibile come tutte le cose possono voltarsi, nel corso del tempo, con umiltà e la dedizione, la preghiera e l’impegno a l’armonia.

Inverno particolare ci porta più vicini tale bisogno di compagnia e sostegno pratico, soprattutto perché molte persone nel centro storico sono, beh, piuttosto vecchio. Non che chiedono aiuto, e sembrano sorpresi o addirittura in imbarazzo quando offro, ma è una vera gioia per portare un sorriso a un volto, quando aiuta portare la spesa, o anche soltanto passeggiando al loro fianco, mentre ci dirigiamo verso il centro storico insieme.

boy,friends - Copia (3)

Ed è un momento ricco di messa a terra’, di prendersi una pausa nel mio giorno e chiacchierare con la mia vicina di quello che sta accadendo nella via quel giorno si sarebbe stupito di quanto succede in un quartiere medievale quasi-abbandonata! Guardando dalle finestre e porte è uno sport nazionale in Italia, e Guardia è particolarmente esperto: si potrebbe pensare che stai in giro d’una città vuota, ma non essere sorpreso quando si è detto nel corso della giornata, ogni movimento che hai fatto, da qualcuno nel bar che ha sentito dal vostro vicino! Mi piace pensare di esso come un vigilanza benevolente: che mi sto protetto, anziché intromessa su.

Hai un buon rapporto con i vostri vicini? Li avete salutato, o visitato, recentemente? Condividi i tuoi commenti qui sotto, o attraverso le mie pagine su Facebook Twitter o Patreon!

Tante belle cose, Clare xx

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s