VALENTINE’S ADVENT DAY SEVEN

the safe house, 2010 (private collection, England)

Sei italiano? Vedi giù – è in italiano!

WELCOME TO THE ARTHOUSE VALENTINE’S ADVENT!

Fifteen days of creative re-interpretation of St Valentine’s, and the magic of this season!

DAY SEVEN: PUTTING ONE’S HOUSE IN ORDER/ THE SAFE HOUSE

 This is the midway point for the Valentine’s Advent: I thought it pertinent to look at equilibrium, and how to balance messy situations! Especially pertinent today, when I just released a public statement about our Ri-CREARE project in Guardia Sanframondi, which has been the centre of much tension and misunderstanding over the past 7 days!

To me, getting this essay written, and making a public statement, is like putting my house in order. I love how winter allows things like this to happen: the long hours are apt for tidying and cleaning. It’s like the preparation of the soil, before the year’s planting begins; not necessarily digging it, but certainly making a plan for it, based on deep knowledge of what will best flourish. Here’s the essay (please excuse strange tone and grammar; I translated it back from having written it in Italiano- this does strange things to my brain!):

RiCREARE 2015             PUBLIC STATEMENT

RiCREARE was an event in July 2014, in which a network of people and groups congregated together in Guardia Sanframondi for a series of meetings and lunches, and eventually created a very special and particular event to awaken the spirit of the place. They developed a profound discourse in the medieval quarter, at the roots of which was the idea of rejuvenating life here. In recent years here, there has also grown a dialogue with strong roots in values, spirit and a vision for a positive future in Guardia.

For a three long decades, the historical center of Guardia Sanframondi has been pretty abandoned. Between earthquakes, deaths, departures for college and work, or due to marriages and adventures abroad, the historical center has emptied. As well as this flow away, there was the economic prosperity and funding of the ’80s, when new buildings took the place of the old ones, and everyone wanted to be in a new house, simple and clean, where they could also park their car at their door, on a flat road. This flux was a natural consequence of the change of values in modern Europe: it also happened in my village on a Scottish island in the 80s: most houses became the property of holidaymakers, and so for the greater part of the year were left empty.

However, the economic difficulties in Europe in recent years have meant that everyone has had to revise their values again: to review what is important in their lives. Perhaps for a long time we were mesmerized by the glitter and glamour, plastic and cement and disposable things.

So now, many cultures in the western’ world are looking for old values, friendliness, atmosphere, clean air and water, silence and solitude, a slower pace of life, a good place to just be. They seek simplicity and groundedness: nourishment at a deeper level. This is the motivation of many people who bought homes in the last two years in Guardia These reasons should just be appreciated, before we hurry down a road in haste to make Guardia into another chic tourist destination like Tuscany.

Guardia is not, nor can it never be, another Tuscany, because it has a lot more authenticity! Nor can it ever be a center for art in the old-fashioned sense. Guardia has an eccentricity (in a good way!), a vivacity, a spirit and atmosphere, and moreover, a completely unique and particular story and potential. If we do not take all of this into consideration, we are losing the best part of what we can all benefit from, in our future together here.

This discussion started in the last five years, including people from outside Guardia who have homes here in the medieval quarter (who have been coming here for many years), and the people who live here in Guardia and the zone, and even the people who work in the field of cultural and landscape transformation, and also even people attracted to the energy of everything around which I am doing: we are a pretty big network! To harness the energy of this vibrant dynamic, we need to create a container, so that in all the voices, all the unique feelings and expression, all the wildness and fun, the eccentricity and beauty, can be held, grown, and celebrated. To do this, we must be open and calm.

A beautiful energy of community, friendship, positivity, possibility has already been growing in recent years in Guardia, all contained under the umbrella of the idea of recreating (for this reason it is called Ri-CREARE). It has not been growing alone, this energy- it is there thanks to the imagination of certain protagonists (not just me!) those who believe in deep values, and those who have a connection with / an understanding of the spirit of the town. The spirit of the historical center, is not a thing that lives only in the minds of some people: it is the powerful presence of benevolent energy that lives through all of us, even in the stones, the river, every tree and animal here. It is concentrated in the center of Guardia; this is immediately perceptible by many who visit here, because it is so absent in their places of origin.

Not all those who have been attracted to the energy ( of everything that has developed here, and in the historical center), have the same idea or understanding of what the energy actually is. They are a few people who have seen a great success and a good opportunity to take advantage of this, as if they want to borrow Guardia, like a crown which they can put on their heads. They want to put a picture frame around the village, and say, ‘Look! This is mine! See how I discovered it! But no can be the king or queen of Guardia no one can live in the castle!

 In all honesty, I believe that the era of the gallery/ gallery owner/ art in frames on white walls/ the poor artist that needs a patron, is already finished, in the old sense. Meaning, the artist is no longer a person who must be put on a stage, given a prize and loud applause, because we believe that some people are more special than others, and as if artists are completely detached from the everyday world.
Instead, we artists have to be humble people; those who dedicate our lives to studying creativity in its deepest sense, so that we can help transform the energy and awareness of the world for the better. The world is in great need of this activity; there is no more time to lose with our egos and pride. And not all the people who say I’m an artistare artists in the same sense. In fact, in the profound sense, there are many people who believe they are not creative, but are more creative than the artists’: people who open the hearts and the minds of others, inspiring and raising energy wherever they go. Guardia has many examples of this latter kind of person.
But many artists of this era (even the most famous!) Understand absolutely nothing about creativity in the sense of energy: how to cultivate and to grow energy / connections / positivity. They’re looking at the old hierarchy of power, now crumbling rapidly in every sense, and do not see that the world has changed so much already. When we are more concsious about creativity – in its most potent form our obligation as artists is to be at the heart of the community, with our focus on activities to change the world. NOT to be sitting on a plinth, but to be connected with everything and everyone. The world has a great need right now of discourse, awareness, community and cooperation. In my opinion, the decorative and the aesthetic aspects of art have a part to play in the discourse of RiCREARE yes, but the ego and heirarchy in the old sense, with their superficiality and pretense, absolutely don’t come into it.
So: the idea of Ri-CREARE was to invite artists, musicians, professional people and nonprofessionals, all those who understand this concept (whether consciously or not) of how to cultivate energy, ideas, vitality and community, together with others. With this experiment‘ it needs to be open, with very little paperwork, and there must be a shared vision. I think it works better if this movement exists frameless’, in an organic form, and with an open spirit, but contained by the energy of a strong and deep idea, not with a rigid superificial one. This ‘container’ must support expression and sharing, and not exclude anyone from the discussion. We are all colored threads in a large, fabulous fabric; the fabric needs every color, and each thread has the same importance.
Whenever a group of people get together to work, but have no experience of working together in a non-hierarchical way Immediately negative thoughts and emotions start to appear: allowing these negative aspects to lead the way is a disaster. The way to move forward collectively, is to put the negative things to the side, and to look for the positive things, so we can navigate with them.
Without a positive and constructive dialogue from the beginning, nothing can grow. I believe we have quite a lot of enthusiasm, energy, cooperation, to do something like RiCREARE in Guardia again. If we are able to share these positive elements, we can being a brilliant project together. But if not, then the soil hasn’t even been pawed at.
I understand though, that the Italian culture in this zone, is perhaps not accustomed to working together in this fashion, without a leader: its a new idea, and maybe a little radical but I believe that last year, the most inspiring aspect was the fact of simply being together (so many different cultures) and having this lively spontaneous conversation. We found a deep flow: of synchrony, cooperation, and a prolific gardenof cultural exchange.
The idea of RiCREARE was to be together in this spontaneous way, and to interact yes with others, but also with the medieval quarter. And not in the narrow way of looking backwards, but in a fresh and visionary way, looking to a vibrant future!

I well understand that for many people, it is not so easy to dream of the future with hope and trust, but maybe you have to trust the creative people a little, because we have already done a great deal for Guardia, in these past years! And we have even more enthusiasm and intention to do so much more! Let’s look together at what has already happened (not at what has not happened!), and so we can cultivate the positive, and grow and grow!


Many thanks to all those who are contributing to this discourse, to help develop the energy behind Ri-CREARE:
see how it all developes, with the conversation we are having; we are creating a precious thing.

Onwards, together!

You can see more about/ lots of imagery from Ri-CREARE, via the community on Facebook and via my blogs from July 2014 -navigate from the sidebar to the left.

 Share your comments below, or via the pages on Facebook Twitter or Patreon!

                                                              Tante belle cose, Clare xx

the safe housela casa sicura, 2010 (collezione privata, Inghilterra)

GIORNO NUMERO SETTE: METTENDO LA CASA IN ORDINE/ LA CASA SICURA

Questo è il punto di mezzo per l’Avvento di San Valentino del’ arthouse: ho pensato che sarebbe stato pertinente scrivere di equilibrio, e come bilanciare situazioni ingarbugliate! Oggi particolarmente pertinente, quando ho appena rilasciato una dichiarazione pubblica sul nostro progetto RiCREARE a Guardia Sanframondi, che è stato al centro di molte tensioni e incomprensioni, negli ultimi 7 giorni!

Per me, ottenendo questo saggio scritto, e facendo una dichiarazione pubblica, è come mettendo la mia casa in ordine. Mi piace come l’inverno permette cose come questa ad accadere: le lunghe ore di buio sono adatti per riordino e pulizia. È come del’ preparazione del suolo, prima della semina del’anno inizia; non necessariamente scavando, ma certamente facendo di un piano, basato su una profonda conoscenza di ciò che sarà meglio prosperare. Ecco il saggio:

Ri-CREARE 2015                DICHIARAZIONE PUBBLICA

 Ri-CREARE è stato un evento di luglio 2014, in cui un ragnatela di persone e gruppi hanno congregato insieme a Guardia Sanframondi, per una seria di incontri e pranzi, ed alla fine hanno creato un evento molto particolare e speciale per svegliare lo spirito del luogo. Hanno sviluppato un discorso profondo , nel centro storico, le radici di che, è stato l’idea di ringiovanire la vita lì. Negli ultimi anni ha anche cresciuto un discorso, con forte radici di valore, spirito, ed un visione per una futura positiva a Guardia.

Per un lungo 3 decenni, il centro storico di Guardia Sanframondi era abbastanza abbandonata. Tra i terremoti, le morti e le partenze per l’università ed il lavoro, a causa di matrimoni e avventure all’estero, il centro storico è stato svuotato. Accanto a questo flusso di distanza, c’era il benessere economico ed i finanziamenti degli anni ‘80, dove i nuovi costruzioni hanno preso il posto di quelli vecchi, e tutti volevano essere in una casa bella nuova, semplice e pulito, dove avrebbero potuto anche parcheggiare il loro auto davanti alla porta, in una strada piatta.
Questo flusso è una conseguenza naturale della modifica dei valori nell’Europa moderna, è accaduto anche nel mio villaggio su un’isola scozzese negli anni ‘80: tutte le case divennero di proprietà di vacanzieri, ed erano per la maggior parte dell’anno lasciati vuoti.

Comunque, la difficoltà economiche in Europa negli ultimi anni, hanno fatto sì che tutti hanno dovuto rivedere i nostri valori di nuovo: a rivedere ciò che è importante nella nostra vita. Forse per lungo tempo siamo stati ipnotizzati dal luccichio e il glamour, la plastica e il cemento e le cose che possiamo gettare via, una volta che abbiamo finito con loro.

Quindi adesso, molte culture nel mondo ‘dell’ovest’ cercano vecchi valori, cordialità, atmosfera, aria e acqua pulita, silenzio e solitudine, un ritmo di vita più lento, un luogo giusto per essere. Cercano semplicità e radicamento: nutrimento a un livello più profondo. Questo è la motivazione di molte persone chi hanno acquistato le case negli ultimi due anni a Guardia. Questa motivazione dovrebbe essere apprezzato, prima andiamo in fretta giù una strada per rendere Guardia un’altra destinazione chic turistica come la Toscana.

Guardia non è, e non può mai essere, un altro Toscana, perché ha molto più autenticità rispetta di quella! Né può mai essere un centro per l’arte, nel senso antiquato. Guardia ha una eccentricità (nel senso positivo!), una vivacità, uno spirito e l’atmosfera, ed inoltre, sia una storia e un potenziale completamente unica e particolare. Se non prendiamo in considerazione questo, stiamo perdendo la maggior parte di ciò che possiamo beneficiare, nel nostro futuro insieme.

Questo discorso ha iniziato negli ultimi 5 anni, tra le persone da fuori Guardia chi hanno case qui nel centro storico (chi hanno venuto per tanti anni qui), e le persone chi vivono qui in Guardia e la zona, e pure le persone chi lavorano nel campo di trasformazioni culturale e paesaggista, e anche pure le persone attratta all’energia di tutto ciò che facendo intorno io: siamo una bella grande rete! Per sfruttare l’energia di questa vivace dinamica, abbiamo bisogno di creare un contenitore, in modo in che tutte le voci, tutto il sentimento e l’espressione uniche, tutto la selvatichezza e il divertimento, l’eccentricità e la bellezza, possono essere tenute, cresciuto, e celebrato. Per fare questa, dobbiamo essere aperti e calmi.

In Guardia negli ultimi anni ha già cresciuta una bellissima energia di comunità, amicizia, positività, possibilità, contenuto tutto sotto l’ombrella della idea di ricreazione (per questa ragione è chiamata ‘Ri-CREARE’). Non ha cresciuta da sola, questa energia- e lì grazie all’immaginazione di certe persone protagonisti (non solo io!) chi credono negli valori profondi, e chi hanno una connessione con/ un comprensione del spirito del borgo. Lo spirito del centro storico, non è una cosa che vive solo nelle menti di alcune persone: è la potente presenza di energia benevola, che vive attraverso tutti noi, anche nelle pietre, il fiume, ogni albero e animale qui. Si è concentrata nel centro storico di Guardia; tale è subito percettibile da molti che visita qui, perché è così assente nelle loro luoghi di origine.

Non tutti chi sono stato attratti alla energia (sia di tutto ciò che sviluppato qui, e pure del centro storico), hanno lo stesso idea o percezione di ciò che. Sono abbastanza che vedono un bel successo ed un bel possibilità di approfittare, e vogliono prendere Guardia in prestito, come una corona che possono mettere sulle loro teste. Vogliono mettere cornici in tutto il borgo, e dire ‘Guarda! Questa è la mia: guarda come l’ho scoperto!’ Ma nessun può essere o il re o neanche la regina di Guardia – nessun può vivere nel castello!

In tutto onesta, io credo l’epoca della galleria/ la gallerista/ arte in cornici sul muro bianco/ l’artista povera che devi trovare un padroncino, e già ben finito nel senso vecchio. Nel senso: l’artista non è più una persona chi dev’essere messo su un palco, dato un premio e l’ applauso forte, come sono persone più speciali rispetto gli altri, e pure sono distaccato dal mondo.

Invece, noi artisti dobbiamo essere persone umili, chi dedicano le nostre vite al studiando di creatività nella forma più significata, più profondo. Così, possiamo aiutare trasformare l’energia e la consapevolezza del mondo per il migliore. Il mondo ha forte bisogno di questa attività; non è più tempo per perdere con nostri ego e orgogliosità. E non tutti le persone chi dicono ‘io sono artista’ sono artisti nel stesso senso. Infatti, nel senso profondo, sono tanti persone chi non credono sono creative, ma sono invece persone più come artisti in rispetto i ‘artisti’: le persone che aprono i cuori e le menti degli altri, che ispirano e chi alzano l’energia ovunque vanno. Guardia ha tanti esempi di quest’ultimo tipo di persona!

Ma tanti ‘artisti’ di questa epoca (pure i più famosi!) capiscono proprio niente di creatività nel senso energetico: di come coltivare e pure crescere l’energia/ i legamenti/ la positività. Stanno guardando la vecchia gerarchia di potere, che adesso crolla, in ogni senso, e non vedono che il mondo ha cambiato già tanto.

Quando siamo più sapevole di creatività -nella forma più potente- nostro obbligo come artisti è per essere al cuore del comunità, ed al fulcro del attività per cambiare il mondo. NON per essere su d’un plinto, ma per essere collegato con tutto e tutti. Il mondo ha grande bisogno adesso di discorso, consapevolezza, comunità a cooperazione. Secondo me, il decorazione e la bellezza di arte ha una parte nel discorso di Ri-CREARE, si, ma l’ego ed il potere nel vecchio senso, la superficialità e la pretesa assolutamente non ci entrano.

Allora: l’idea di Ri-CREARE era per invitare tutti i artisti, musicisti, persone professionale e pure non-professionale, tutti chi capiscono questo concetto (se consapevole o no), di come coltivare l’energia, le idee, la vitalità, e la comunità insieme con i altri. Con questo tipo ‘esperimento’ dev’essere aperto, senza tanta carta (significa: la minima di carta), e ci deveesisterequesta visionecondivisa. Io credo funziona il meglio se questo movimento esiste ‘senza cornici’, inuna forma organicaconlospiritoaperto, ma contenuto con l’energia d’un idea forte e profondo, non con le idee rigidi: questo contenitoredeve supportarel’espressionee la condivisione, edinonescludere nessunodalla discussione: siamo tuttifili colorati (ed importanti!)in un grande tessutofavoloso. Le tessuto ha bisogno di ogni colore, ed ogni filo ha la stessa importanza.

Quando arriveranno insieme qualsiasi persone chi vogliono lavorare insieme, ma non hanno esperienza di lavorare insieme in una moda senza gerarchia… Subito iniziano uscire emozioni e pensieri negative: anziché permettere guidare questi cose negative, la moda di andare avanti è per mettere le cose negative da parte, e cercare per le cose positive (in cui possiamo guidare da loro).

Senza un discorso positiva e costruttiva al fulcro, nessun cosa può crescere. Io credo abbiamo un bel sacco di entusiasmo, energia, cooperazione, e voglio per fare qualcosa per Guardia di nuovo -come Ri-CREARE. Se riuscì dare al luce questi elementi positive, può arrivare un buon progetto. Ma se no, allora, esiste solo un terra nemmeno zampata.

Capisco bene, se la cultura italiano, in questa zona, forse non è abituata di lavorare insieme in questa moda- è un idea nuova e forse un po’ radicale… ma io credo che l’anno scorso, la cosa di più ispirato, era il fatto di essere insieme (tanti diversi culture) e per avere questo discorso vivace spontanea. Abbiamo trovato un flusso profondo: sincronia, cooperazione, e un buon ‘giardino prolificò’ dello scambio.

L’idea di Ri-CREARE è stata per essere insieme in questo modo spontanea, e per interagire si con i altri, ma anche col centro storico: non in una moda stretta dove guardiamo in dietro, ma in una moda fresca e visionario, guardando a una futura vivace!

Capisco bene, che per tante persone, non è facile per sognare così della futura, con speranza e fiducia, ma forse devi fidare un po’ le persone creative, perché noi abbiamo già fatto un bel po’ a Guardia negli anni scorsi! E pure abbiamo tanto entusiasmo e intenzione, per fare molto di più! Guardiamo insieme a che ha già successo (non a che non ha successo!), e così si cresce il buono, e diventa il più e più buono!

Grazie tante a tutti chi stanno contribuendo a questo discorso, per aiutare sviluppare le idee! Vedi come va avanti il discorso in tutto facciamo, tutti di che parliamo, e tutto di che sogniamo: siamo creando una cosa preziosa.

Avanti noi tutti, insieme!

Puoi vedere tanto più su di/ tanti foto da Ri-CREARE, nella comunità su Facebook e anche nelle miei blog da luglio 2014 -navigare dalla sinistra. Scusami, tutti i primi blog sono stati solo in inglese!

Condividi i tuoi commenti qui sotto, o attraverso le mie pagine su Facebook Twitter o Patreon!

                                                                Tante belle cose, Clare xx

2 thoughts on “VALENTINE’S ADVENT DAY SEVEN

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s